La nostra storia

1939: Le Origini

È il 1939. Siamo in Genova, terra di tradizioni secolari e di cultura millenaria. Per Antonio Dovo, detto Tonitto, avviene qui l’incontro della vita: quello con l’arte del gelato.

È amore a prima vista. E nel suo cuore si fa strada il desiderio di radicare questa neonata passione nella sua Genova. Ancora viva e indelebile è l’emozione di quando aprì per la prima volta le porte della sua prima gelateria, nell’elegante quartiere di Albaro.

’60 e ’70: L’affermazione

Gli anni ’60 e ’70 sono gli anni dell’affermazione. I decenni scorrono e con essi cresce l’esperienza e la consapevolezza che la strada da intraprendere è quella della qualità, della competenza e dell’accurata ricerca di ingredienti e di materie prime. Grazie a questo impegno, il gelato di Tonitto diventa il migliore della città.

Arrivano inoltre i primi importanti riconoscimenti internazionali, come la Medaglia d’oro vinta durante l’esposizione internazionale “Quality Ice Cream Competition” (1970) e il “Primo Classificato Città di Genova” (1977).

Anni ’80

Tempo di grandi cambiamenti. Alfredo, figlio di Tonitto, cresciuto ed educato tra passione e dedizione, decide di perfezionare la sua arte in altre regioni.

Ora è pronto a rilevare dal padre l’attività di famiglia e a farle compiere il salto di qualità: la gelateria diventa il punto di ritrovo preferito dall’alta società genovese, i migliori ristoranti della zona richiedono i suoi gelati e le ordinazioni iniziano a fioccare anche da altre parti d’Italia, in particolare dalla Costa Smeralda e dalla Lombardia.

Perfino il Re di Giordania sceglie il gelato di Tonitto per i prestigiosi ospiti delle sue feste.

Ecco che Alfredo decide di trasferire la produzione in una piccola fabbrica e di aprire altre due gelaterie in città, da qui ha inizio la produzione in larga scala.

Nel 1984 viene folgorato sulla via di Los Angeles e decide di aprire una nuova imponente gelateria a Beverly Hills. Scommessa vinta. In poco tempo la gelateria diventa uno dei ritrovi preferiti di attori e artisti di Hollywood.

L’impegno è grande, forse troppo, tanto che Alfredo si vede costretto a vendere i negozi per dedicarsi interamente alla passione più grande: la produzione di gelati.

Anni ’90

E arriviamo agli anni ’90, quando subentrano i figli di Alfredo, Luca e Massimiliano.

La produzione si trasferisce in un nuovo edificio di 7000 mq, attrezzato con i più avanzati impianti industriali.

Tonitto comincia a prendere le forme di quello che è oggi: un’azienda moderna che produce sia per l’Italia che per l’estero, esportando in oltre 20 Paesi d’Europa, Medio Oriente, Sud America e Giappone, Corea del Sud. E che non ha intenzione di fermarsi.

Perché se le dimensioni sono cambiate non lo è il sogno: quello di produrre un gelato industriale, buono proprio come quello fatto in modo artigianale.

Oggi

Il gelato non rappresenta solo un capolavoro nel panorama della cultura italiana, ma è soprattutto il rispetto delle sue ricette, dei suoi gusti e dei suoi sapori, che si concretizza nell’attenzione ad ogni singolo dettaglio:

  • scelta delle materie prime, di ingredienti italiani di prima qualità di origine garantita
  • cura particolare nella loro lavorazione e nel loro mescolamento, nel rispetto della ricetta classica e dei più alti criteri di qualità.